Storie di cibo: la patata

Le patate, originarie del Sud America, sono oggi uno degli alimenti più diffusi e consumati al mondo. Quante ricette ci vengono in mente! Gnocchi di patate, patate al forno, crocchette di patate, patatine fritte…

Ma alle patate sono anche legate tante storie. Eccone una.

Nel Cinquecento sono stati i conquistadores spagnoli a riportare dal Sud America, oltre all’oro, anche la pianta della patata, subito diventata oggetto di studio dei botanici per le sue caratteristiche di facile crescita e di adattabilità a climi e terreni.

Una pianta che però ha faticato ad affermarsi come cibo: anche perché le patate contengono una sostanza, la solanina, potenzialmente tossica! Chi provava a mangiare patate crude, o mal conservate e marcite o già germogliate, o ancora verdi, ne risentiva gli effetti!

Anche oggi sappiamo che non vanno usate patate ancora acerbe e da cui è già spuntata la nuova piantina.

La notorietà su larga scala di questo tubero, come piatto versatile sulle tavole europee, la dobbiamo a uno chef del 1800 che oggi chiameremmo “stellato”, Antonin Carême, che lo presentò sotto forma di deliziose crocchette.